Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\giorgiogasliniit\dischi\dischi_detail.php on line 99
 
Adiantum
Giorgio Gaslini
2005
Velut Luna
Untitled Document

Note introduttive

ADIANTUM, 1993: è il nome della pianta del Capelvenere ed è un concerto per pianoforte e orchestra in quattro movimenti, dei quali il primo e il quarto su tempi lento e Moderato, il secondo e il terzo sui tempi Vivo e Mosso. Il primo movimento è una sorta di tema e sei variazioni e coda finale. Il secondo ha un tema scarno e incisivo che si distende in alcune variazioni pianistiche con uno spiccato carattere ritmico. Il terzo prende forza dal tema di tutta l'orchestra che dà origine ad una forte pulsione ritmico-tematica di insieme e subito alle variazioni pianistiche. Il quarto movimento inizia con il solo piano che espone un tema delicato, ripreso poi dall'orchestra e poi ancora dal solista che, infine, con una variazionecadenza, porta tutti verso una conclusione lieve, sognante e sospesa. In "Adiantum" si incontrano e si integrano linguaggi e stilemi di diversa provenienza. Certamente le costanti essenziali del jazz vi hanno molta parte, così come, per contro, il senso della forma-struttura classica. Il carattere predominante di Adiantum è quello di una gioiosa, ma anche accorata pulsione comunicativa. WEILL A BROADWAY, 2002: è una vasta opera sinfonica in Quattro parti (anche qui l'eco della forma classica) con un intervento solistico del pianoforte nell'estrema sezione finale. Nulla a che vedere con i tradizionali adattamenti o arrangiamenti o medley o pout-pourry, che dir si voglia, l'opera ingloba nel complesso sinfonico temi del Weill "americano" "usati" come materiali di lavoro per dar vita ad un vero e proprio concerto per orchestra autonomo. Così va inteso e colto "Weill a Broadway", come del resto è emerso dalla partecipazione appassionata dell'orchestra e degli ascoltatori sin dalle prime esecuzioni pubbliche. ALABAMA SUITE: al termine dell'esecuzione di "Weill a Broadway", all'autore che dirigeva, e nel finale sedeva al pianoforte, il pubblico richiese alcuni bis di solo piano. "Alabama Suite" è uno di questi. Si tratta di una suite pianistica costruita su tematiche popolari nero-americane arcaiche (canti spirituali, di lavoro, di gioco infantile) sino a costruire un autonomo brano pianistico da concerto, che tuttavia conserva il colore e il profumo dei canti originari.
Giorgio Gaslini

GIORGIO GASLINI
Pianista, compositore e direttore d'orchestra milanese, musicista jazz di fama internazionale, uno dei fondatori del jazz in Italia, ha al suo attivo più di tremila concerti e cento dischi per i quali ha vinto nove volte il Premio della Critica. Iniziatore di correnti musicali e portatore della musica ai giovani in scuole, università, fabbriche, ospedali psichiatrici, ha tenuto concerti e partecipato a festival in oltre 60 nazioni. Attivo anche nella musica contemporanea, dopo aver conseguito sei diplomi al Conservatorio di Milano, ha composto lavori sinfonici, opere e balletti per il Teatro alla Scala e per i maggiori teatri italiani. E' stato il primo titolare dei Corsi di Jazz nei Conservatori S.Cecilia di Roma, nel 1972/73 e Giuseppe Verdi di Milano, nel 1979/80. Dalla sua scuola e dai suoi gruppi sono emersi i migliori musicisti jazz italiani di oggi. Ha collaborato con i più prestigiosi registi di teatro. Per il cinema ha composto oltre 40 colonne sonore; celebri le sue musiche per "La Notte" di Michelangelo Antonioni, premiata con il Nastro d'Argento, e per "Profondo Rosso" di Dario Argento. E' l'autore dei libri "Musica Totale", "Tecnica e Arte del Jazz" e "Il tempo dei Musicista Totale", ritenuti testi fondamentali. Nel '91 ha fondato la Grande Orchestra Nazionale di Jazz. Grande successo europeo hanno ottenuto nel '91 e nel '95 le suites Pierrot Solaire e Skies of Europe con l'Italian Instabile Orchestra. Nel '96 ha composto per il Teatro Romano di Verona Mister 0, prima opera jazz della storia. Dal '97 la Soul Note sta pubblicando in CD la sua opera omnia. Nello stesso anno, con la donazione al Comune di Lecco di migliaia di dischi, libri, partiture originali, ha creato presso Villa Gomes il "Fondo Musicale Gaslini", che, inaugurato nel gennaio del 2001, è a disposizione di giovani musicisti e studiosi. Nel 2000 ha fondato la "Proxima Centauri Orchestra" forte di 15 tra i migliori solisti italiani. Nel 2003 ha ottenuto grande successo con il progetto "U" (Ulisse) realizzato nel sito archeologico di Carsulae (Terni) con il suo quintetto, il trio del jazzista americano Uri Caine, il testo e l'interpretazione di Marco Paolini e la scenografia di Arnaldo Pomodoro. Nel 2002 il Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, gli ha assegnato il premio alla carriera: diploma e medaglia d'oro, riconoscimento riservato ai benemeriti della cultura e dell'arte.

MASSIMILIANO DAMERINI
Genovese, ha compiuto gli studi musicali nella sua città, sotto la guida di Alfredo They e di Martha Del Vecchio, diplomandosi in pianoforte e composizione. Considerato uno degli interpreti più rappresentativi della sua generazione, ha suonato in alcuni dei più importanti teatri e sale da concerto del mondo: Konzerthous di Vienna, Barbican Hall di Londra, Teatro Alla Scala di Milano, Teatro Colòn di Buenos Aires, Herkules Saal di Monaco, Gewandhaus di Lipsia, Salle Gaveau di Parigi, Victoria Hall di Ginevra, Tonhalle di Zurigo, Auditorio Nacional di Madrid, ecc., collaborando in qualità di solista con prestigiose orchestre, quali: London Philharmonic, BBC Symphony, Bayerischer Rundfunk, Deutsches-Symphonie di Berlino, Sinfonica di Budapest, Radio Olandese, WDR di Colonia, NDR di Amburgo, SWF di Baden-Baden, Orchestre Philarmonique Suisse, Accademia di S. Cecilia in Roma, RAI, Orquesta Nacional Espanola, Orquesta Sinfonica Portoguesa, ecc., e partecipando a festival internazionali, quali: Maggio Musicale Fiorentino, Biennale di Venezia, Berliner Festwochen, Holland Festival, Wien Modern, Donaueschingen, Biennale di Zagabria, Festival d'Automne di Parigi, Festival Paìz di Antigua (Guatemala), Takefu Music Festival (Giappone) ecc. Oltre ad innumerevoli registrazioni per varie reti radiotelevisive europee ed americane, ha inciso per molte etichette discografiche, tra cui: EMI, Etcetera, Arts, Koch, Ricordi-BMG, Accord, Marco Polo, Col Legno, Dynamic, Agorà, Musikstrasse, Fonit-Cetra, ecc. Attualmente sta curando per la Arts l'incisione integrale delle Sonate di Schubert. Moltissime le opere pianistiche a lui dedicate da autori quali: Ambrosini, Carluccio, Di Bari, Donatoni, Fellegara, Ferneyhough, Gaslini, Gentilucci, Landini, Oppo, Porena, Sciarrino, Skrzypczak, Sotelo, Taneka, Vacchi, ecc. Attivo anche come compositore, ha presentato numerosi suoi lavori in importanti rassegne e festival. E' spesso invitato in giuria in importantissimi concorsi pianistici internazionali, e tiene masterclasses di perfezionamento in tutta Europa: è stato tra l'altro docente agli Internazionale Ferienkurse fúr Neue Musik di Darmstadt nel 1998, e ai corsi organizzati dal Centre Acanthes ad Avignone nel 1999. Nicholas Kenyon, sul Times di Londra, lo ha definito dominatore assoluto della tastiera e del suono, il famoso compositore Elliot Carter, dopo averlo ascoltato a New York, ha detto di lui: Ogni suo concerto è un'esperienza indimenticabile, e dopo il suo recital a Monaco nel 1997 la Suddeutsche Zeitung lo ha definito uno dei tre massimi pianisti italiani della nostra epoca, con Benedetti Michelangeli e Pollini. La critica italiana gli ha conferito il prestigioso Premio Abbiati 1992 quale concertista dell'anno.

ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
Aldo Ceccato Direttore Musicale
60 ANNI DI GRANDE MUSICA A MILANO
I Pomeriggi Musicali nacquero nell'immediato secondo dopoguerra. La loro nascita fu il frutto dell'incontro tra l'impresario teatrale Remigio Paone e il critico musicale Ferdinando Ballo. Il primo pensava ad una orchestra da camera con cui eseguire il repertorio classico, il secondo ad una formazione in grande stile che sviluppasse un repertorio di musica contemporanea e d'avanguardia, fino ad allora soffocato dalla dittatura fascista e dalla guerra. I due progetti trovarono un punto di incontro nell'Orchestra I Pomeriggi Musicali. Grandi compositori come Honegger e Hindemith, Pizzetti, Dallapiccola, Petrassi hanno diretto la loro musica sul podio dei Pomeriggi Musicali, un podio che è anche stato, per tanti giovani artisti, un trampolino di lancio verso la celebrità: ricordiamo due nomi per tutti, Leonard Bernstein e Sergiu Celibidache. Il carnet dei Pomeriggi Musicali vanta numerose celebrità: Claudio Abbado, Salvatore Accardo, Arturo Benedetti Michelangeli, Umberto Benedetti Michelangeli, Antonio Ballista e Bruno Canino, Aldo Ceccato, Riccardo Chailly, Dino Ciani, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Gianluigi Gelmetti, Carlo Maria Giulini, Bruno Giuranna, Vittorio Gui, Franco Gulli, Eliahu Inbal, Lorin Maazel, Peter Maag, Bruno Moderna, Nikita Magaloff, Igor Markevitch, Nathan Milstein, Riccardo Muti, Igor Oistrach, Gabor Otvos, Marcello Panni, Krzysztof Penderecki, Maurizio Pollini, Donato Renzetti, Mario Rossi, Hermann Scherchen, Thomas Schippers, Nino Sanzogno, Christian Thielemann, Uto Ughi, Carlo Zecchi. L'Orchestra ha al suo attivo un repertorio che spazia dal Barocco al Novecento e per consolidata tradizione, nelle sue stagioni non tralascia la proposta di pagine poco note o in prima esecuzione assoluta. I Pomeriggi Musicali svolgono la loro attività principalmente a Milano, ma partecipano a stagioni sinfoniche, festival e rassegne nelle principali città lombarde. In autunno contribuiscono alle stagioni liriche dei Teatri di Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantova, Pavia, e alla stagione di balletto del Teatro alla Scala.
Invitata nelle principali stagioni sinfoniche italiane e in molti teatri e sale di concerto all'estero, l'Orchestra ha conquistato platee internazionali. Recentemente ha riscosso lusinghieri successi in Spagna, Portogallo, Tunisia, Francia, Germania, Svizzera, Turchia e Austria. Attualmente I Pomeriggi Musicali sono una Fondazione costituita dalla Regione Lombardia, dal Comune di Milano, dalla Provincia di Milano e da enti privati. Dal 1999, Aldo Ceccato è il Direttore Musicale. Dal settembre 2001, le attività dei Pomeriggi Musicali si svolgono al Teatro Dal Verme.
Original digital live recording at Teatro Dal Verme, Milano, Italy, on march 2003.



Introductive Notes
ADIANTUM, 1993: apart from being a plant that grows in Capelvenere, Adiantum is also a concert for piano and orchestra in four movements: the first and the fourth are Lento and Moderato, the second and the third Vivo and Massa. The opening theme has six variations and a final coda. The second, more sober and severe, is characterized by some piano variations of the rhythms. The third theme, based on the main one played by the orchestra, starts with a solid rhythm that melts into different piano variations. The fourth movement begins with on elegant theme for solo piano and is then followed first by the orchestra and finally by the soloist who, through on accurate employment of rhythms and variations, joins and seals the melodies in a dreamlike, smooth finale.
In "Adiantum" two completely different styles and languages melt together into one unique stream made up of basic jazz melodies and classical structures. The power of this work lays inside its need of taking out all the passion that this magnificent music can provoke to those who venture on this musical journey. WEILL IN BROADWAY, 2092: this is a huge symphonic opera arranged in a classical set of
Four Parts with a soloist piano playing just in the final section. This work, far from being the average adaptation or some sort of badly mixed medley, melts together symphonic concepts and themes from the American "Weill". The final result is a solid and unique piece for orchestra, "Weill in Broadway", something that the performers themselves and their listeners define as pure passion. ALABAMA SUITE: after the execution of "Weill in Broadway", its conductor, who was the one who played the piano in the last part, the audience used to ask him for more pieces. "Alabama Suite" is one of these. What we have here is a suite for piano where the melodies and the rhythms, dug out from many Afro-American themes (spiritual life, everyday work, juvenile games), form a sole concert piano piece, so modern that it preserves perfectly the original spirit and essence of those ancient chants.
Giorgio Gaslini

GIORGIO GASLINI
This Milano-based pianist, composer, orchestra conductor and widely known jazzist is one of the founders of this genre in Italy, an artist whose importance is attested by more than 3000 concerts, 100 records and 9 Critic Awards. This pioneer of many musical styles and many educational projects for schools, universities, factories, psychiatric hospitals, has taken part in concerts and festivals all over more than 60 different nations. After exploring the fields of contemporary music and getting 6 different diplomas from the Milan Conservatory, he composed symphonies, operas and ballets for the greatest Italian theatres including La Scala. He was the first jazz tutor of the Conservatory S. Cecilia, Rome (1972/73), and of the Conservatory Giuseppe Verdi, Milan (1979/80). The best Italian jazz musicians of today were all either students in his courses or members of his bands. He has collaborated with some of the most famous theatre directors and he is the author of the soundtracks of 40 films, among which we have to remember "La Notte" ("The Night") by Michelangelo Antonioni, work awarded with the Silver Ribbon, and "Profondo Rosso" ("Deep Red"), by Dario Argento. Gaslini is also the author of "Total Music", "Jazz: Art and Techniques" and "The Time of the Total Musician", books considered masterpieces of the genre. In '91 he founded the "Great Jazz National Orchestra". In '91 and '95 his works Pierrot Solaire and Skies of Europe, performed by the Italian Instabile Orchestra, were pieces renowned all over Europe. In '97 he composed Mister 0, the very first jazz opera of all times. Since '97 Soul Note is in charge of producing and releasing in CD the whole body of his works. In the same year he donated to the Lecce Town Council thousands of records, books and original scores. He also created the "Gaslini Musical Foundation", a centre for students and young musicians inaugurated in January 2001. In the year 2000 he set up the "Proxima Centauri Orchestra", a band made up of 15 best Italian soloists. 2003 was the year of his magnificent project called "U" (Ulysses), a work performed by his Quintet, the jazz trio of the American Uri Cane and himself inside the fascinating and historical site of Carsulae (Terni). The lyrics were written and interpreted by Marco Paolini while the set designing was conceived by Arnaldo Pomodoro. In 2002 The President of the Italian Republic, Carlo Azeglio Ciampi, conferred to Gaslini an award for his whole career: a diploma and the Golden Medal, honour usually given only to the greatest artists of all times.

MASSIMILIANO DAMERINI
Born in Genoa, he studied with Alfredo They and Martha Del Vecchio graduating in piano and composition with First Class Honours. He is considered one of the foremost pianists in his generation. He has played in some of the most famous concert halls throughout the world, i.e., the Konzerthaus in Vienna, the Salle Gaveau in Paris, the Teatro alla Scala in Milan, the Barbican Hall in London, the Herkules Saal in Munich, the Gewandhaus in Leipzig, the Teatro ColUn in Buenos Aires, the Victoria Hall in Geneva, the Tonhalle in Zurich, the Auditorio Nacional in Madrid. Among the many orchestras he has worked with: the London Philharmonic, the BBC Symphony, the Dutch Radio Orchestra, the Budapest Symphony, the WDR Symphony Cologne, the Deutsche-Symphonie Berlin, the NOR Symphony Hamburg, the SWF Symphony Baden-Baden, the SDF Symphony Stuttgart, the Bayerischer Rundfunk Orchestra, the Swiss Philharmonic, the Accademia di Santa Cecilia Orchestra in Rome, the Orquesta National Espa6ola, the Orquestra SinfUnica Portuguese, the Buenos Aires Philharmonic, etc. He is a regular guest at many international festivals: the Maggio Musicale Fiorentino, the Venice Biennale, the Berliner Festwochen, the Holland Festival, the Wien Modern, the Music Biennale Zagreb, the Festival d'Automne in Paris, the Donaueschingen Festival, the Palz Festival in Antigua (Guatemala), the Takefu International Music Festival (Japan). Besides cuntless radio and television recordings with several European and American networks, he has recorded for many labels: EMI, Etcetera, Arts, Accord, Marco Polo, Col Legno, BMG, Dynamic, Koch, Musikstrafle, Agar$, etc. He is recording the complete Schubert's Piano Sonatas for ARTS. Of the many composers who have written especially for him: Ambrosini, Di Bari, Donatoni, Fellegara, Ferneyhough, Gaslini, Gentilucci, Landini, Porena, Sciarrino, Skrzypczak, Sotelo, Tanaka, Vacchi, etc. He is often invited as a member of jury to many important International Piano Competitions. Nicholas Kenyon, in a review in The Times, wrote of his "complete command". Elliott Carter in New York in 1990 said: "To hear a concert by Damerini is an unforgettable experience." The S ddeutsche Zeitung, after his recital in Munich in 1997, wrote: "Damerini is
one of three greatest Italian pianist of our time, together with Benedetti-Michelangeli and Pollini." In 1992 he was awarded the prestigious "Abbiati Prize" by the Italian Critics Association as "Soloist of the Year".

ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
Aldo Ceccato
Music Director
The origins of I Pomeriggi Musicali Orchestra date back to the first years just after the Second World War, when the theatre producer Remigo Paone met the music critic Ferdinando Ballo. The first was thinking about a classical repertoire performed by a camera orchestra, the second was dreaming of a great ensemble who could interpret contemporary and avant-garde music. Two dreams that seemed fated to remain unaccomplished under the siege of the fascist autocracy and the long shadow of the War. Luckily enough, I Pomeriggi Musicali Orchestra managed to turn them into reality. Great artists like Honegger e Hindemith, Pizzetti, Dallapiccoia, Petrassi conductor their compositions from the stage of I Pomeriggi Musicali, something that for many young artists (like the famous Leonard Bernstein and Sergiu CeZibidache) represented the take-off point they needed to star their careers. Many renowned celebrities stepped the stage of the Pomeriggi Musicali: Claudio Abbado, Salvatore Accardo, Arturo Benedetti Michelangeli, Umberto Benedetti Michelangeli, Antonio Ballista and Bruno Canino, Aldo Ceccato, Riccardo Chaiily, Dino Ciani, Daniele Gatti, Gianandrea Gavazzeni, Gianluigi Gelmetti, Carlo Maria Giulini, Bruno Giuranna, Vittorio Gui, Franco Gulli, Eiiahu Inbal, Lorin Maazel, Peter Moog, Bruno Moderna, Nikita Magaloff, Igor Markevitch, Nathan Milstein, Riccardo Muti, Igor Oistrach, Gabor Otvos, Marcelio Panni, Krzysztof Penderecki, Maurizio Pollini, Donato Renzetti, Mario Rossi, Hermann Scherchen, Thomas Schippers, Nino Sanzogno, Christian Thielemann, Uto Ughi, Carlo Zecchi. The
repertoire of the Orchestra ranges from the baroque to the 20th Century and its live performances traditionally include very rare pieces or symphonies never played live before. The Pomeriggi Musicali mainly moves inside the Milan area but every year it joins many symphonic seasons and festivals of the region Lombardy. In autumn it always takes part in the theatrical lyrical seasons of Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Mantua, Pavia, and the ballet sessions of the La Scala theatre. The Orchestra has performed successfully around the main lyrical theatres of Italy and of countries like Spain, Portugal, Tunisia, France, Germany, Switzerland, Turkey and Austria. I Pomeriggi Musicali Orchestra is today part of a cultural Foundation whose interests are protected by the Region Lombardy, the Milan Town Council, the Province of Milan and other important institutions. Its Musical Director, since 1999, is Aldo Ceccato. Its concerts are regularly performed in the Dal Verme theatre since September 2001.
Original digital live recording at Teatro Dal Verme, Milano, Italy, on March 2003.

Production: Velut Luna
Executive producer: Marco Lincetto
Recording: Supplied by Orchestra I Pomeriggi Musicali
Editing and mastering: Matteo Costa
Design: L'image
Marketing manager: Francesco Pesavento
Sales manager: Moreno Danieli

Mastering session was monitored using:
DA Converter NORTH STAR DESIGN MOD 192
Amplifier NORTH STAR DESIGN LINESTAGE+MONOBLOCK
Speakers SIGMA ACOUSTICS OUVERTURE

 

 

 

 

 
 
line
line
 
line
Untitled Document
ADIANTUM
       
1   Lento 5:37
2   Vivo 4:46
3   Mosso 5:39
4   Moderato 5:07
       
    Tempo totale 21.09
       
    concerto per pianoforte e orchestra
ed. suvini zerboni / sugarmusic
Orchestra I Pomeriggi Musicali
Giorgio Gaslini conductor
Massimiliano Damerini piano
Roberto Bonati doublebass
Vittorio Marinoni drums
 
       
    special guest:
* Roberto Dani - drums
** Domenico Nordio - violin
*** Tiger Dixie Band - brass ensemble
 

Untitled Document
 
Giorgio Gaslini
Giorgio Gaslini
Massimiliano Damerini
Orchestra I pomeriggi musicali. Aldo Ceccato - direttore musicale