Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\giorgiogasliniit\dischi\dischi_detail.php on line 99
 
Sinfonia delle Valli
Giorgio Gaslini, Orchestra di Fiati della Valtellina - Lorenzo Della Fonte. Coro Filarmonico Mousikč - Mario Maffeis
2006
WorldWindMusic - Mirasound Olanda
Untitled Document

GIORGIO GASLINI E LA SINFONIA DELLE VALLI
Aver visto e ascoltato Giorgio Gaslini "lavorare" al pianoforte su "materiale" di Gershwin o su temi sia altrui sia suoi, averlo visto e ascoltato dirigere la Grande Sinfonia di Schubert, può dare forse un'idea del musicista Gaslini. Ma è un'idea vaga e imprecisa. Gaslini è qualcosa di diverso dall'eclettismo di Leonard Bernstein, e anche dire che Gaslini nasca dal jazz può essere impreciso, visti i suoi diplomi di conservatorio; se è vero che è un nome internazionale in quel campo, è vero anche che i suoi traguardi sono, si, anche quelli del jazz, ma non soltanto quelli. II Gaslini che immagina Tempo e Relazione nel 1957, a cavallo del moderno jazz ma anche della dodecafonia, è qualcosa di molto diverso da John Lewis con il Modern Quartet., lontano da quella che è caratteristica basilare della musica, l'avventura.
Avventura organizzata, però. Anche quando è in ballo l'improvvisazione, fenomeno che attraversa i secoli, che entusiasmava i Romantici ma che faceva schifo al Novecento "duro e preciso", mentre è un pilastro di vitalità nel jazz. Un respirare, in Gaslini Anche il suono stesso di certi suoi titoli del primo periodo, come "Dall'alba all'alba", "Segnali", fanno sentire una intenzione di vivere intensamente quel che la situazione musicale suggerisce.
Gaslini cerca sempre una dialettica: "...non solo tra novità e tradizione, ma anche fra culture differenti, approdando a una dimensione sferica della musica", come si legge nel saggio di Renzo Cresti "Linguaggio musicale di Giorgio Gaslini" (Guido Miano editore, 1995) come musica totale: è questo il titolo del suo libro uscito nel 1975, non a caso da Feltrinelli, e matrice di uno nuovo uscito per Baldini & Castoldi. Ma, al di là delle motivazioni che l'autore di tante esperienze dà a questa definizione, il contatto con Gaslini musicista suggerirebbe, quasi spontaneamente, di vedere in lui un musicista totale. Non soltanto perché spazia da Chorus per flauto solo suonato da Gazzelloni al Festival di Venezia nel 1965, a questa sua, nostra, nuova "diversa" e comunicativa Sinfonia delle Valli, che impegna due grandi compagini strumentali di fiati e un coro, con testi poetici cantati e una necessità espressiva anche nell'ambiente; è nata per essere eseguita all'aria aperta le Valli, condizione non sempre cara alla gente che fa musica (ancora una volta, volontà di aver coraggio).
Era nata così all'aperto anche la Grande symphonie funèbre et triomphale di Berlioz: in fondo, anche Berlioz aspirava ad una "musica totale".

Alfredo Mandelli

 

ORCHESTRA DI FIATI DELLA VALTELLINA
Ottavino: Daisy Citterio
Flauti: Antonella Benatti (solo can. sin./left ch.), Lucia Duca, Alessandro Monga (solo can. ds./right ch.)
Oboi: Alessandra Bavo, Davide Fiorentini
Corno inglese: Maria Panteghini
Fagotti: Giuliano Mandonico, Valeria Trabucchi
Clarinetto piccolo: Eugenio Arrigoni
Clarinetti: Antonio Duca, Viviana Fedeli, Mariella Gusmeroli, Giuseppe Maggio, Gabriele Patriarca, Alessandra Ravelli, Mariarosa Rizzi, Marta Romegialli, Marco Sala, Mattia Sandrini, Stefano Siani, Ivana Zecca
Clarinetto basso: Domenico Rossi
Sax alti: Flavio Minatta, Valentina Persenico
Sax tenori: Emilio Maccolini, Fernando Romegialli
Sax baritono: Nicola Della Torre
Corni: Stefano Bertola, Stefano Cresci, Marina Marchetto, Denis Salvini
Trombe: Pietro Boiani, Michele Cappelletti, Massimo Ciaponi, Francesco Mozzanica, Davide Svanosio
Tromboni: Nicola Bonardi, Marco Romele
Trombone basso: Riccardo Chiriotto
Euphoniums: Guido Crameri, Filippo Moretti
Tuba: Alessandro Faccin, Adamo Pizzini
Contrabbasso: Alan Cretti
Timpani: Fabrizio Tognini
Percussion: Filippo Della Fonte, Gabriella Mascadri, Mario Riva, Anna Romegialli
CORO FILARMONICO MOUSIKE'
Soprani:
Santina Maffeis, Barbara Lanfranchi, Antonella Scandella, Eliana Masserini, Maddalena Peracchi, Emanuela Gritti, Viviana Coter, Claudia Cattaneo, Giorgina Suardi, Graziella Mologni, Antonietta Guerini, Erica Maffeis, Eleonora Rottigni
Contralti:
Fernanda Ambrosini, Patrizia Cattaneo, Zelinda Maffeis, Ornella Gamba, Margherita Paganessi, Lucia Suardi, Milena Battistelli, Valentina Cattaneo, Santina Cortinovis, Ernestina Perolari, Carla Radici, Manuela Suardi, Giovanna Gusmini
Tenori:
Bepi Aresi, Sandro Noris, Battista Belotti, Primo Azzola, Franco Calandrina, Vincenzo Zanotti, Paolo Rinaldi, Alessandro Bergamelli
Baritoni e bassi:
Luciano Merla, Valentino Merla, Pietro Savoldi, Luigi Peracchi, Giacomo Rottigni, Sergio Noris, Guido Coronini, G. Angelo Sabotti, Giacinto Ruggeri, Antonio Noris, Dario Fratus, Nello Bonaldi, Camillo Gritti

GIORGIO GASLINI
Pianista, compositore e direttore d'orchestra milanese, musicista jazz di fama internazionale, Gaslini ha al suo attivo più di tremila con-certi e cento dischi, per i quali ha vinto 10 volte il Premio della Critica. Iniziatore di correnti musicali e portatore della musica ai giovani in scuole, università, fabbriche, ospedali psichiatrici, ha tenuto concerti e partecipato a festival in oltre 60 nazioni. Attivo anche nella musica contemporanea, dopo aver conseguito composto lavori sinfonici, opere e balletti per il Teatro alla Scala e per i maggiori teatri italiani. Le sue opere sono stampate da Universal Edition di Vienna e, più recentemente, da Suvini & Zerboni Classica di Milano.
E' stato titolare dei primi corsi di Musica Jazz nei Conservatori di Roma e Milano, facendo conoscere una generazione di nuovi talenti musicali, e aprendo la strada all'ingresso ufficiale del Jazz come materia di studio in tutti i conservatori italiani.
Ha collaborato per le musiche di scena con i più prestigiosi registi di teatro e per la televisione. Per il cinema ha composto numerose colonne sonore: celebri le sue musiche per La Notte di Michelangelo Antonioni, premiata con il Nastro d'Argento e per Profondo Rosso di Dario Argento. E' l'autore dei libri Musica Totale (Feltrinelli), Tecnica e Arte del Jazz (Ricordi) e Il Tempo del Musicista Totale (Baldini & Castoldi).
Grande successo hanno ottenuto nel '91-95 le sue suites Pierrot Solaire e Skies of Europe con I'Italian Instabile Orchestra. Nel 1996 ha composto per il Teatro Romano di Verona Mister 0, prima opera jazz della storia. Dal 1997 la Soul Note sta pubblicando in CD la sua opera omnia. Nello stesso anno, con la sua donazione al Comune di Lecco di migliaia di dischi, Gomes il Fondo Musicale Gaslini che, inaugurato nel gennaio del 2001, e a disposizione di giovani musicisti e studiosi.
Nel 2002 il Presidente della Repubblica Italiana, Carlo Azeglio Ciampi, gli ha assegna-to il premio alla carriera: diploma e medaglia d'oro, riconoscimento riservato ai benemeriti della cultura e dell'arte.

ORCHESTRA DI FIATI DELLA VALTELLINA
Nata nel 1991, l'Orchestra di Fiati della Valtellina svolge ormai da tempo un'attività di livello internazionale. Degli oltre 80 concerti dati fino ad oggi, in cui spesso per la prima volta una "banda" è stata inserita in prestigiosi cartelloni da sempre riservati alla musica colta, ne ha tenuti 15 in 7 Paesi europei, ed ha ottenuto importanti riconoscimenti a con-corsi internazionali. L'OFV ha un vasto repertorio (più di 120 brani) che comprende, oltre a trascrizioni di musica sinfonica ed operistica, un significativo numero di opere originali per fiati, campo in cui è considerata all'avanguardia in Italia, avendo al suo attivo 7 prime esecuzioni assolute e oltre 30 prime esecuzioni italiane. L'Orchestra è presente sul mercato discografico internazionale con sei CD: due per Agorà e Mirasound, uno per Stormworks e Animando, tutti già trasmessi da Radio Rai, dalla Radio Svizzera Italiana (RSI) e Tedesca (DRS), dalla radio tedesca WDR4, dalle radio americane WNYC di New York e WQUB. Nel 1997 ha dato in prima esecuzione italiana uno dei lavori più importanti nella storia della letteratura bandistica: la "Symphonie Funebre et Triomphale" di Berlioz. Nel 2001 IOFV è stata chiamata a rappresentare l'Italia alla prestigiosa Conferenza Mondiale Wasbe a Lucerna, poi ha dato la prima esecuzione mondiale della "Sinfonia delle Valli" di Giorgio Gaslini. Nel 2002 l'Orchestra ha collaborato con la prestigiosa Associazione "Concerti del Quartetto", tenendo tre concerti sul palco del Teatro Dal Verme di Milano con importantissimi solisti. I tre concerti sono poi stati integralmente trasmessi da RadioTre RAI nell'ambito della trasmissione "Il concerto del mattino". Nel 2003 l'Orchestra ha tenuto, tra l'altro, un concerto all'Auditorium della Radio Svizzera di Lugano, uno a Salisburgo (Austria) ed ha partecipato, unica rappresentante italiana, al festival "Mid-Europe" di Schladming (Austria). Nel 2004 ha eseguito la Messa n. 2 in mi minore di Bruckner per gli Amici della Musica di Sondalo, e si è poi esibita, fra l'altro, a Poschiavo per la Radio Svizzera e a Brescia. Nel luglio 2005 ha ottenuto la medaglia d'oro, in prima categoria, al World Music Contest di Kerkrade. Dalla sua fondazione è diretta da Lorenzo Della Fonte, mentre Presidente è Ivana Zecca

LORE NZO DELLA FONTE
Direttore d'orchestra specializzato nella letteratura per fiati, Della Fonte è nato a Sondrio nel 1960 e si è diplomato in Clarinetto, Strumentazione per Banda e Musica Jazz. Ha studiato direzione d'orchestra in Italia e all'estero con J. Conjaerts, H. van Lijnschooten, R. Reynolds, G. Gelmetti, E. Corporon, J. Cober, A. Spórri.
Nel 2000 ha ottenuto il Primo Premio assoluto al concorso internazionale per direttori d'orchestra "Prix Credit Suisse" di Grenchen. Dal 1994 al 1998 è stato direttore principale della Civica Orchestra di Fiati di Milano, gruppo con cui collabora tuttora come direttore ospite, ed attualmente dirige l'Orchestra di Fiati della Valtellina, complesso che ha acquisito un importante ruolo nel mondo fiatistico italiano, con il quale ha dato numerosi concerti in Europa ed inciso 6 cd.
Dal 1995 è direttore/docente della Giovanile Orchestra Internazionale di Fiati di Ripatransone, ed inoltre dirige stabilmente la Società Filarmonica di Arogno (Svizzera) ed il Soli Wind Ensemble.
Ha diretto, in oltre 400 concerti, una sessantina di orchestre di fiati in 13 Paesi del mondo (8 europei, Stati Uniti, Canada, Argentina, Brasile, Taiwan).
E' docente di Strumentazione per Banda presso il Conservatorio di Udine, insegna direzione d'orchestra collaborando con Associazioni italiane, europee ed Università USA, ed è richiesto quale membro di Giurie, per concorsi ban-distici, in tutta Europa.
Come compositore è autore di diversi brani originali e trascrizioni, pubblicati da importanti editori: suoi lavori hanno ottenuto premi in concorsi internazionali e sono incisi su vari cd. E' autore del libro "La Banda: orchestra del nuovo millennio" sulla storia della letteratura per fiati, ha al suo attivo tredici CD per case discografiche statunitensi, svizzere ed italiane.

CORO POLIFONICO MOUSIKE'
II Coro Polifonico MOUSIKE' nasce a Gazzaniga (Bergamo) nel 1974 con il nome di Coro Recastello, come coro maschile proponendo un repertorio di canti tradizionali. Dopo pochi anni si apre alle voci femminili affrontando un repertorio a "cappella" comprendente brani classici, brani di autori moderni e contemporanei.
Verso il 1990, visto il coinvolgimento nell'omonima Scuola di musica Mousikè, si apre ad un repertorio concertante affrontando opere significative tra le quali: la Messa di Stravinsky; il Canto Funebre di Brahms; I'Apparebit Repentina Dies di Hindemith; Chant de la Foret della Gotkovsky; lo Stabat Mater e il Gloria di Poulenc; la Messa in mi minore di Bruckner; il Requiem di Hidas con l'Orchestra fiati Filarmonica Mousike'; il Gloria di Rutter; la Missa Solemnis di Serge Lancen dedicata a Sua Santità Papa Giovanni Paolo Il; il Festival Te Deum di R.V. Williams; il Magnificat di Arvo Part; Alleluja e Te Deum Laudamus di Mozart nel 250° della nascita. Mario Maffeis, creatore e direttore da sempre del Coro Mousikè, è coadiuvato nella preparazione e nella direzione dal m° Paolo Rinaldi.



Produced by: Lorenzo Della Fonte
Recorded in Sondalo, Italy on March 31, April 1-2, 2006 by Mirasound Studio, NL
Engineer: Gé Voskuylen
Musical Supervisor: Peter Kleine Schaars, Giorgio Gaslini
Mixing/Editing: Jelke Haisma
Cover photo: Franco Benetti
Layout: InGrid, NL
P&C 2006 Marasound bv - www.worldwindmusic.nl

 

 

 

 

 
 
line
line
 
line
Untitled Document
1   Sole nel vento 12.57
2   Sentiero pensiero
11.59
3   Spazi 6.40
4   Giorno di festa 7.40
5   INNO (per i giochi della neve) 2.31

Untitled Document
 
Giorgio Gaslini,
Orchestra di fiati della Valtellina
Coro filarmonico Musikč
Lorenzo Della Fonte (conductor), Peter Kleine Schaars (musical supervisor) and Giorgio Gaslini (compositore)