2011
Archivio Concerti

Deprecated: mysql_connect(): The mysql extension is deprecated and will be removed in the future: use mysqli or PDO instead in D:\inetpub\webs\giorgiogasliniit\archivioconcerti.php on line 148
Premio "Creatività" alla carriera a Giorgio Gaslini   29 novembre 2011
Museo Internazionale del fumetto
Viale Campania 12, Milano
 


L'Associazione "PENSARE OLTRE" consegnerà al Maestro Giorgio Gaslini - ospite d'onore - il premio alla "creatività" con la motivazione: "Genio della composizione jazz"

Madrina della serata: la danzatrice dell' "Etoile della Scala" Elisabetta Armiato

Nell'occasione verrà presentato in prima assoluta il nuovo disco CD di Giorgio Gaslini "INCANTI" edito dall'etichetta KEPACH - CAM record di Roma.
Altri ospiti d'onore della serata: Giorgio Faletti, Bruno Bozzetto, Alberto Tomba, Silver.
Nuoro, su invito di Paolo Fresu   30 e 31 Agosto
  2 concerti e incontri
Giorgio Gaslini, piano solo


Legnano, Biblioteca Civica   27 luglio 2011, ore 21.00
  Giorgio Gaslini, pianista
in
"RIDI, BUSTER, RIDI"

Gaslini interviene in tempo reale attraverso l'improvvisazione e la composizione istantanea sui rari e preziosi film muti degli anni '20/'30 di Buster Keaton, il geniale autore, mimo, interprete.
Il comico che non rideva mai. Ma nel finale...!
Un evento straordinario di incontro tra le immagini di ieri la creatività istantanea di un musicista di oggi


Genova, Cortile di Palazzo Tursi   7 luglio 2011, ore 22.00
(Comune di Genova)
  Concerto del Pianista Giorgio Gaslini
MY FAVOURITE SONGS
MY FAVOURITE MELODIES

Un evento artistico di assoluta novità, un percorso raffinato per un interprete internazionale

Messina, Auditorium Palacultura   13 maggio 2011, ore 21.00
  Concerto del pianista Giorgio Gaslini
"My favourite Songs - My favorite Melodies"

Prima esecuzione assoluta

Il concerto verrà registrato dal vivo dalla Cam Record per un nuovo CD-Live di Giorgio Gaslini

Rassegna stampa: Giorgio Gaslini incanta Messina con il suo virtuosismo eclettico
Lissone, Palazzo Terragni   28 Aprile 2011, Ore 21.00
  Concerto
Giorgio Gaslini incontra Buster Keaton
in "Ridi, Buster, ridi"

Interventi pianistici sulla protezione di film muti di B. Keaton (1912-1920)


Teatro Excelsior,
Cesano Maderno (MI)
17 febbraio 2011
 
  Concerto sinfonico
L'Orchestra Sinfonica Jupiter incontra Giorgio Gaslini

Il Maestro Giorgio Gaslini dirige la Jupiter in due sue composizioni in prima esecuzione assoluta:
1) LARGO per orchestra
2) Concerto per CLARINETTO e ORCHESTRA, solista ANGELO TEORA

Gaslini farà ascoltare una performance al pianoforte.



L'Orchestra Sinfonica Jupiter è una nuova realtà musicale fondata e diretta dal Maestro SERGIO VECERINA.
Svolge attività concertistica molto apprezzata e seguita dal pubblico con grande partecipazione, specialmente nei programmi nei quali la Jupiter incontra famosi artisti del nostro tempo.


PROGRAMMA DEL CONCERTO

LARGO per orchestra (DURATA 20 minuti)
I fiumi che ho incontrato in tante parti del mondo hanno sempre esercitato su di me una forte fascinazione. Ma quando in India ho visto da vicino il GANGE è stata una immensa epifania.
In silenzio ho ascoltato la sua voce, il suo venire dai secoli e andare verso i secoli, la sua vita interna, una polifonia sottesa immersa e emergente, la musica del GANGE. E altri eventi sonori sopra e intorno, un volo di uccelli, un canto lontano dalle rive, un ramo caduto sull’acqua e piccoli sussulti del vento in quella atmosfera magica.
Epifania che mi sono portato dentro per anni, che maturava di diventare questo LARGO. E prese forma: la compagine sinfonica degli archi si articola in una polifonia cangiante nell’arco di tutta la durata della composizione. La quale è basata su tre valori accordali modali di mi minore settima (i primi sette minuti) di fa minore nona (i secondi sette minuti) e di la minore nona (gli ultimi sei minuti). Sopra e intorno singoli eventi sonori affidati agli strumenti, fagotto, flauto, oboe, clarinetto, e più avanti alla tromba con sordina, all’arpa, celesta, glockenspiel.
Non veri e propri temi, ma singole alternate voci superiori, spaziali, sopra quel fluire incessante, autonomo, possente “dai secoli verso i secoli”. Questo sì è il tema primario e continuo che predomina indisturbato e lascia alfine l’impronta dell’interrogativo esistenziale, il senso dell’infinito immobile e vivo.

Concerto per clarinetto e orchestra (DURATA 11 minuti)
Nel porre mano a questo concerto richiestomi dall’esimio clarinettista Angelo Teora ho subito escluso di ricorrere al solito protagonismo virtuosistico del solista, privilegiando invece le peculiari qualità del suono di questo nobile strumento sul quale, ai tempi del mio diploma di composizione, mi esercitavo affascinato. Qualità ricca di sfumature timbriche e di nuance coloristiche, lasciando che il virtuosismo emergesse con autorevolezza nella non facile cadenza.
Infatti il primo movimento è costituito da cinque sequenze (il titolo è appunto SEQUENZE) per le quali è richiesto all’interprete solista, il suono incisivo e rigoroso della musica “colta” europea che si ammorbidisce alfine per trasferirsi nell’ARIA del secondo movimento.
Qui la monodia si sposa con i processi armonici dell’orchestra, il suono è afferente, espressivo, intimo con giochi alterni tra il solo e il tutti.
Il terzo movimento ARCANA rimanda segnali tra il corno, il flauto e il trombone con sordina, segnali sospesi sul fruscio della percussione, ai quali risponde più estesamente il clarinetto al quale è richiesta una sonorità più incantata, lieve, aerea, appoggiata sugli archi vibranti.
Segnali, e incanto magico, che proseguono e concludono con le ultime note del clarinetto in sospensione aerea.
Si arriva così alla CADENZA, una esplosione protagonistica in solitudine che porta al movimento finale.
EBONY DANCE, un affettuoso riferimento all’EBONY CONCERT di Igor STRAWINSKY. Mentre nei movimenti precedenti la pulsione ritmica lasciava preferibilmente il posto all’espressione e al fraseggio significante, qui, in questa danza, diventa protagonista, come fosse una liberazione fisica e psichica lungamente preparata e attesa.
Il movimento finale è imperniato dal principio alla fine sulla figura ritmica 3/4 + 3/8 e sulle due scale esafoniche.
Anche il clarinetto la scandisce e la arricchisce coinvolgendo il tutti orchestrale sino alla fine, con un suono attivo, giocoso e nobile.
Insomma una tavolozza di colori espressivi dello strumento, questa sì virtuosistica, ma più precisamente e semplicemente artistica.

Ascoli Piceno
4 febbraio 2011
  Centro d'ascolto Cotton Club - Ascoli Piceno, ore 21.00
  Giorgio Gaslini
Piano Recital

Nel corso della serata verrà consegnato al Maestro Gaslini il Premio alla carriera.


 
line
line
 
line